it IT en EN fr FR de DE el EL

LA HORA (Χωρα)

 

  • Isolotto PalatiaIsolotto Palatia
La Hora (Χωρα) ossia la città di Naxos. Come prima passeggiata vale la pena visitare i tradizionali Palatia o bagni di Arianna. Si trovano nell'isoletta di fronte al porto di Naxos. Arrivando con la nave, l'enorme porta di marmo (Portara), che sorge in cima alla collina, cattura lo sguardo. Oggi vediamo solo le fondamenta e l'enorme porta del tempio "ekatompedo" che il tiranno di Naxos, Ligdamide, aveva iniziato a costruire nel 530 a.C. circa. Portara è stata costruita con 4 blocchi di marmo, ognuno dei quali misura 6 metri di lunghezza e pesa 20 tonnellate.

 

La Hora si affaccia sul porto. Ai suoi piedi, vi è una splendida passeggiata (Paralia per i Naxioti) che costeggia il mare. A metà percorso, troviamo un porticciolo con imbarcazioni da diporto e pescherecci locali. Da lì partono anche le motonavi che organizzano gite in giornata ad alcune isole vicine come Paros, Piccole Cicladi, Mykonos e Santorini nonché il piccolo traghetto Small Cyclades Lines, Express Skopelitis, diretto appunto, alle Piccole Cicladi. Riprendendo il cammino, si arriva direttamente al porto grande dove attraccano i traghetti che approdano in gran numero durante il corso della giornata, specialmente nel periodo estivo. Un po prima di questo sorge l'isoletta con la chiesetta ortodossa Mirtidiotissa.

  • ParaliaParalia
  • Traghetto NelTraghetto Nel

 

Lungo tutto il percorso adiacente la passeggiata si affacciano un'infinità di ristoranti dove è facile vedere appesi ad un filo baciati dal sole, polpi pronti per essere cotti alla brace. Accanto alle taverne troviamo agenzie marittime, negozietti tradizionali e non, botteghe di souvenirs che peraltro ritroveremo salendo le viuzze che portano al "Kastro" (castello). Nella parte retrostante di questo lungo "treno" di edifici inizia la "Old Market Steet", un labirinto di viuzze che convergono tutte in cima al Kastro, costellate da negozietti e ristoranti a cui vale la pena soffermarsi a dare un'occhiata.

  • Polpi appesiPolpi appesi
  • Negozi e taverneNegozi e taverne

Verso il "Kastro" dunque. Le strette stradine, con alcune ramificazioni imprevedibilmente senza uscita, i vari androni, scalette, passaggi danno l'idea che la gente creò questa città tenendo presente un solo elemento: la protezione dagli attacchi dei nemici e, sopratutto, dei pirati. Ci si ritrova in una specie di dedalo, ma già dopo un paio di volte, sarà meno arduo ricordare il percorso. Sembra quasi di entrare in casa della gente, di quanto siano strette le stradine. Salendo, ci si imbatte in un edificio caratteristico: il Kastro (ossia castello), costruito da Marco Sanudo. È riconoscibile per la sua imponenza e per la diversità di colore rispetto agli edifici adiacenti che sono rigorosamente bianchi.

 

Vi si può entrare dalla porta sud "Paraporti", o dalla porta nord "Trani Porta". Entrando dalle porte del Kastro, passiamo in un altro spazio e tempo dove dominano la tranquillità, le strette stradine in rovina, i giardini allegri con i fiori, le vecchie case padronali, veri palazzi delle famiglie franche, con le loro insegne sopra le porte. All'entrata della Trani Porta c'è un incisione verticale, che ci prepara al nostro ingresso in un mondo diverso. Si tratta infatti della misura veneta dell'epoca che serviva ai mercanti per misurare le varie stoffe che portavano alle nobildonne. Delle dodici torrette del Kastro , ne è rimasta solo una, quella dei Crispi, dal nome degli ultimi duchi dell'isola. E' nota anche come castello di Glezos, dal nome di famiglia degli ultimi proprietari, i quali lo regalarono allo stato greco perché venisse restaurato e trasformato in museo bizantino.

  • Viuzze del KastroViuzze del Kastro
  • Interno KastroInterno Kastro

  • Interno Torre CrispiInterno Torre Crispi
  • Cattedrale cattolicaCattedrale cattolica

 


Scendendo in direzione del porto da una delle tante stradine, arriviamo alla Metropoli ortodossa. Fu costruita sul luogo dove sorgeva una piccola chiesa dedicata a "Zoodochos Pighis" ed ha preso il suo aspetto attuale intorno al 1780, quando il Metropolita di Naxos e Paros era Neofitos Lachovaris. La metropoli è dedicata ai santi Nicodemo l'Agioreta e Nectario. Per la costruzione furono utilizzati vari materiali provenienti da vecchie chiese e da antiche costruzioni. Dicono che le sue colonne di granito, fatte da un blocco solo, furono trasportate dalla vicina isola di Delo. La metropoli, il macello e l'albergo Apollon includono la zona dove si trovava l'antica agorà della città. L'agorà aveva quattro portici con la facciata di marmo ed una disposizione pressochè quadrata, con vari monumenti antistanti. Di fronte alla Metropoli troviamo un grande spazio con resti archeologici il quale è stato riconosciuto come parco archeologico.

  • Cattedrale ortodossaCattedrale ortodossa
  • Altra angolazioneAltra angolazione

 


Proseguendo la nostra passeggiata verso il porticciolo, costeggiando il mare, arriviamo presso un edificio multifunzionale che ospita anche il comune di Naxos. Di fronte ad esso, affacciata al mare, si erge maestosa ed imponente una sfinge. La copia della sfinge che fu donata dai Nassi all'oracolo di Delfi. Quella sfinge che, in forma di leonessa alata col volto da donna, proponeva a tutti un enigma e uccideva chi non fosse riuscito a rispondere esattamente. L'enigma diceva: "C'è sulla terra un animale che può avere quattro , due o anche tre gambe ed è sempre chiamato con lo stesso nome". Solo Edipo riuscì a risolverlo: è l'uomo, che nell'infanzia va a carponi e nella vecchiaia usa una terza gamba, il bastone. La Sfinge allora si uccise ed Edipo fu acclamato il salvatore di Tebe.

  • Sfinge dei NassiSfinge dei Nassi
  • Sfinge di DelfiSfinge di Delfi

 


Il nostro "giro" per la Hora di certo non si esaurisce qui. Vale la pena girare per le vie che circondano il Kastro ed il centro città in genere, in cerca di angoli pittoreschi. D'altronde, sarà in quelle vie che troveremo gli "studios" dove alloggiare, i noleggi di macchine e scooter, altri bar, ristoranti, negozi tipici, internet point... Insomma tutto quello che servirà per rendere la nostra permanenza sull'isola più piacevole e più confortevole. Qui sotto ci sono alcune vedute e tante altre le trovate nella nostra galleria. Per il resto sta a voi scoprirlo sul posto.

  • PiazzettaPiazzetta
  • Noleggio Auto ScooterNoleggio Auto Scooter

  • Viuzza tipicaViuzza tipica
  • PiazzettaPiazzetta