it IT en EN fr FR de DE el EL

 

M O N A S T E R O   I P S I L O T E R A

Μονή Υψηλοτέρα

Ipsilotera

 

  • IpsiloteraIpsilotera
La fortezza torre monastero della Vergine Maria di Psilotera è stata costruita tra il villaggio di Galini e la spiaggia di Amitis in un luogo nascosto in modo da risultare non visibile ai pirati. La torre è stata eretta intorno al 1600 da Iakovos Kokkos. La nobile famiglia Kokko capeggiò la battaglia degli abitanti dei villaggi di Naxos contro i Franchi. La famiglia Kokkos abitava la torre di Naxos, la quale era la tana dei Franchi, ma in tempi burrascosi usava la torre fortificata di Ipsili come quartiere generale dal quale dirigeva le battaglie contro il sistema feudale. L'intero complesso intorno alla torre forma la fortezza. Una croce scolpita sopra l'entrata della chiesa ci ricorda che la torre era anche usata come abbazia. L'unica entrata alla torre si ha per mezzo di una piccola porta fatta in legno spesso. Sempre sopra l'entrata si trovano le feritoie da dove veniva gettato l'olio o l'acqua calda sugli invasori in caso di assedio. Al lato ovest troviamo una simil torre che ora è dimora di piccioni. Dall'entrata si accede attraverso un arco alla corte. tutto in giro alla corte come al primo piano la struttura è suddivisa in celle. Sempre nella corte si trova la chiesa dedicata alla Vergine Psilotera (la più grande). Dei dipinti murali della chiesa, l'unico rimasto visibile è quello della cupola. Le tombe della famiglia Kokkos e degli abati della chiesa si trovano sotto il pavimento marmoreo. delle vecchie icone visibili presso il presbiterio, le più salienti sono quella della Vergine Maria di Psilotera e di Gesù Pantocratore.

 

 

  • FortezzaFortezza
  • MonasteroMonastero